Turismo Narni Vai alla home
email
rss
youtube
flickr
Twitter
Istagram
facebook
A-
 
A+
28/01/2019
Mostra “Adelmo e gli altri. Confinati omosessuali in Lucania”, in esposizione al Palazzo dei Priori di Narni dal 02 al 10 febbraio 2019
immagine

“ADELMO E GLI ALTRI. CONFINATI OMOSESSUALI IN LUCANIA”

Comunicato Stampa

 L’Associazione A.ge.d.o. Terni, in collaborazione con A.ge.d.o. Nazionale e A.ge.d.o. Torino, con il Patrocinio del Comune di Narni, presenta la mostra “Adelmo e gli altri. Confinati omosessuali in Lucania”, in esposizione al Palazzo dei Priori di Narni dal 02 al 10 febbraio 2019. “Abbiamo subito accolto favorevolmente la richiesta dell’Associazione A.ge.d.o., ed è motivo di soddisfazione per l’Amministrazione comunale perché ci dà l’occasione di ribadire alcuni principi che sono alla base della nostra azione politica: il rispetto, il valore inderogabile dei diritti umani e civili, la tutela della persona, lotta contro ogni discriminazione omofobica, razzista”, dichiara l’Assessore ai Diritti Umani e alla Cooperazione Alfonso Morelli.

“Siamo stati tra i primi Comuni italiani ad istituire il registro delle unioni civili e grazie alla convinzione del nostro Sindaco, nonché Presidente Anci, abbiamo sottoscritto recentemente il Protocollo d’intesa della Regione Umbria contro l’omofobia. Oggi poi che la deriva dell’intolleranza e della violenza si sta propagando come un “virus letale” nelle nostre comunità, colpendo ora i migranti domani chiunque altro rappresenti la diversità, noi proponiamo la cultura della legalità, del valore della dignità umana e la valorizzazione di tutte le differenza”.

 «Ringraziamo il Comune di Narni per aver reso possibile questo evento di recupero della memoria storica e di crescita tanto personale quanto collettiva» - afferma il Segretario dell’Associazione, Avv. Michael Crisantemi. «Siamo lieti di poter offrire al nostro territorio questa mostra che testimonia come le persone omosessuali siano state vittime di persecuzioni e vessazioni durante il ventennio fascista. Tutto ciò non deve mai più accadere: il fascismo e l’omofobia non sono argomenti spendibili in un contesto civile e democratico. Chi fa ricorso alla violenza e all’odio nei nostri confronti tradisce la sua ispirazione fascista e liberticida».

La mostra verrà presentata al pubblico sabato 2 febbraio alle ore 16, alla presenza delle autorità e sarà corredata da un ricco programma di iniziative collaterali: domenica 3 febbraio alle ore 16 il gruppo Adaltavoce Terni metterà in scena il reading letterario “Il paese del silenzio”; mercoledì 6 febbraio ore 16 si dibatterà sulla protezione umanitaria dei migranti LGBT a seguito del D.L. Salvini”. Sabato 9 febbraio verrà presentato il libro di Alessandro Chiometti “Frequenti improbabilità”, mentre domenica 10, ore 17, sarà la volta di Paolo Antonio Manetti (chitarra) e Mathilde Sigier (violoncello) a chiudere la mostra con il finissage poetico-musicale a cura dell’Associazione Bottegart.

Allegati