Salta al contenuto principale Vai al contenuto del piè di pagina

Dichiarazione di nascita

Servizio attivo

Dettagli

La dichiarazione di nascita è obbligatoria per iscrivere il neonato, la neonata nel registro di stato civile e nell’anagrafe della popolazione residente.

A chi è rivolto

Ai genitori che devono dichiarare la nascita del proprio figlio al Comune per la formazione dell'atto di nascita. 

La denuncia di nascita può essere effettuata:

  • da uno dei genitori, quando questi siano coniugati tra loro e in assenza dei genitori la denuncia di nascita può essere fatta dal medico, dall’ostetrica, da un’altra persona che abbia comunque assistito al parto, o da un procuratore speciale munito di procura non autenticata;
  • da entrambi i genitori quando i genitori non sono coniugati tra loro e in assenza dei genitori la denuncia di nascita può essere fatta da persona munita di procura con atto pubblico (autenticata da un notaio), con la quale il/i genitore/i, ha/hanno espresso il consenso ad essere nominato/i;
  • da un genitore o da un procuratore speciale se è stato effettuato il riconoscimento prenatale del nascituro.
     

Descrizione

Il cittadino a cui nasce un bambino è tenuto a dichiararlo all'Ufficiale di Stato Civile del Comune di nascita, o di residenza o presso la Direzione Sanitaria del centro di nascita. 

Tale adempimento è necessario al fine di redigere l'atto di nascita e il bambino sia un cittadino riconosciuto dallo Stato. 

Nell’atto di nascita vengono indicati, oltre ai dati di chi fa la denuncia, il Comune, il luogo, la data e l’ora della nascita, il sesso del bambino e il nome che gli viene dato.

Come fare

Puoi presentare la dichiarazione di nascita in uno di seguenti uffici entro i tempi indicati:

  • presso la Direzione Sanitaria del centro ove è avvenuto il parto (entro 3 giorni);
  • presso il Comune ove è avvenuto il parto (entro 10 giorni dall'evento);
  • presso il Comune di residenza dei genitori (entro 10 giorni dall'evento);
  • presso il Comune di residenza della madre, se il padre è residente in altro comune (entro 10 giorni dall'evento);
  • presso il Comune di residenza del padre, previo accordo con la madre se questa è residente in altro Comune; in questo caso l'iscrizione anagrafica del nato sarà comunque nel Comune di residenza della madre come previsto per legge (entro 10 giorni dall'evento);
  • presso il Comune di residenza del padre qualora la madre non sia residente in nessun comune italiano (entro 10 giorni dall'evento).
     

Cosa serve

  • documento d'identità del dichiarante/i;
  • attestazione di nascita (certificato di assistenza al parto) rilasciata dall'ostetrica o dalla struttura sanitaria dove è avvenuto il parto;
  • procura speciale o atto pubblico, qualora la dichiarazione sia fatta da un procuratore.
     

Cosa si ottiene

L'atto di nascita e il certificato di nascita.

Tempi e scadenze

L’atto di nascita viene formato dall’Ufficiale di Stato Civile nel momento in cui viene fatta la dichiarazione di nascita.

10
giorni
è il tempo massimo in cui deve essere fatta la dichiarazione di nascita al Comune
3
giorni
è il tempo massimo in cui deve essere fatta la dichiarazione di nascita presso la Direzione sanitaria dove è avvenuto l'evento

Quanto costa

Il servizio non ha costi.

Accedi al servizio

Puoi prenotare un appuntamento oppure in caso di urgenza presentarti direttamente presso l'ufficio di seguito indicato:

Ufficio Stato civile

L'Ufficio si occupa dei servizi di stato civile.
Piazza dei Priori, 1
05035 Narni

Vincoli

Sono previsti i seguenti vincoli al riconoscimento dei neonati:

  • l'età dei genitori: possono dichiarare la nascita del figlio, e riconoscerlo, solo i genitori di età superiore ai 16 anni, salvo autorizzazione del tribunale; al di sotto di tale età, anche se consentita dalla normativa del Paese per il quale il genitore ha la cittadinanza, non è possibile il riconoscimento senza l'autorizzazione del tribunale;
  • parentela in linea retta, in linea collaterale fino al 2° grado, vincolo di affinità in linea retta.
     

Casi particolari

Dichiarazione di nascita tardiva
Nel caso in cui la dichiarazione di nascita venga effettuata oltre i termini previsti dalla legge (10 giorni), verrà comunque redatto un atto di nascita come precedentemente descritto, in cui dovranno essere inserite le ragioni del ritardo della dichiarazione stessa, e ne verrà data comunicazione alla Procura della Repubblica per l'adozione di eventuali sanzioni previste dall'art.566 del codice penale (reato di occultamento di neonato).
 

Condizioni di servizio

Per conoscere i dettagli di scadenze, requisiti e altre informazioni importanti, leggi i termini e le condizioni di servizio.

Document

Unità organizzativa responsabile

Ufficio Stato civile

L'Ufficio si occupa dei servizi di stato civile.
Argomenti
Ultimo aggiornamento:

04/04/2024, 17:33

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà? 1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri